Una delle dimostrazioni più interessanti della conferenza stampa di Intel del CES 2013
è stata incentrata sulla piattaforma Ultrabook demo basata su architettura Core
di quarta generazione
, anche nota con il nome in codice di Haswell,
attesa al debutto nel corso della seconda metà dell’anno. Il sistema Intel non verrà
direttamente commercializzato ma sarà proposto ai partner produttori di notebook per
l’implementazione sul mercato.

Il design prevede tutta la componentistica hardware integrata dietro il display, per un
ingombro complessivo di 10 millimetri di spessore. La parte con tastiera, che può venir
staccata dallo schermo, integra al proprio interno una batteria supplementare con la quale
si rende possibile un’autonomia dichiarata in oltre 13 ore.

Il display, di tipo full HD, ha diagonale da 13,3 pollici; quando viene
staccato dalla tastiera la diagonale viene automaticamente ridotta a 11,6 pollic
i,
lasciando una parte dello schermo quale cornice all’immagine. Questo approccio permette di
tenere tra le mani il display senza che le dita vadano ad interferire con quanto
riprodotto sullo schermo, a prezzo di una lieve riduzione della dimensione complessiva
dello schermo.

E’ possibile tuttavia, premendo un tasto, fare in modo che tutta la superficie utile
dello schermo venga sfruttata anche in modalità tablet: in questo modo lo schermo ritorna
ad essere pienamente utilizzato, ad esempio nel momento in cui il tablet viene utilizzato
per la riproduzione di flussi video e non per interazione attiva con il sistema operativo
anche tramite tastiera.




<!–Guarda tutte le immagini –>

Nella gallery abbiamo raccolto diversi scatti di questo prototipo, capace di abbinare
modelli di utilizzo molto differenti tra di loro con i punti di forza propri
dell’architettura Haswell. Quest’ultima dovrebbe rappresentare un significativo passo in
avanti per quanto riguarda la potenza di elaborazione della grafica integrata, oltre che
nella gestione dell’autonomia di funzionamento con batteria, rispetto a quanto messo a
disposizione sino ad ora con le soluzioni della famiglia Ivy Bridge.