MODAONLINE – Pitti Immagine Filati, l’appuntamento
internazionale di riferimento del settore dei filati per
maglieria,si svolgerà alla Fortezza da Basso di Firenze dal 23
al 25 gennaio 2013. Laboratorio di ricerca ma anche osservatorio
per le nuove tendenze del lifestyle globale, Pitti Filati presenta
l’eccellenza della filatura su scala internazionale al suo
pubblico, buyer provenienti da tutto il mondo e designer dei marchi
più importanti del fashion business, che vengono a Firenze in cerca
di suggestioni creative.

Protagonista di questa 72esima edizione, l’anteprima
mondiale primavera/estate 2014 delle collezioni di filati per
maglieria.

FESTA FIESTA FEST FESTIVAL: il nuovo Spazio
Ricerca

Prosegue nella sua evoluzione la struttura dello Spazio Ricerca
e dell’area Fashion at Work, centro di tutte le espressioni legate
alla creatività. Osservatorio sperimentale dove vengono analizzate
e lanciate le tendenze, lo Spazio Ricerca di Pitti Filati 72
esplora con FESTA FIESTA FEST FESTIVAL, tema e titolo di
questa stagione, la dimensione di festa, intesa come esperienza di
condivisione e benessere collettivo, per apprezzare quanto di più
ricco, colorato e positivo offrono le varie culture e regioni. Sarà
un viaggio alla scoperta di feste popolari, processioni, festival
estivi e fenomeni sociali in tutto il mondo, ma anche una pausa
distensiva e insieme energizzante, per il corpo e la mente. Con la
direzione artistica del fashion designer Angelo Figuse
dell’esperta in maglieria Nicola Miller, e con l’allestimento
dell’architetto Alessandro Moradei.

I numeri di Pitti Filat 72

Marchi / Aziende

100 i marchi totali a questa edizione, di cui 20
provenienti dall’estero

20 gli espositori all’interno dell’area Fashion At Work

Superficie espositiva: 20.000metri quadrati

Buyer / visitatori: 3.700i buyer all’ultima edizione
invernale dei quali 1.450 (40% del totale) i buyer
dall’estero

Principali mercati esteri di riferimento: Germania, Gran
Bretagna, Francia, Svizzera, Stati Uniti, Spagna, Giappone, Olanda,
Turchia e Svezia.

Tra i NOMI NUOVI e Rientri a questa
edizione segnaliamo: Filartex, Ima Filati, Monticolor,
Cad Modelling (ITALIA).

Alla Fortezza da Basso, con Fashion At Work anche il
meglio  della tecnologia e della ricerca sulla produzione
di Filati

La sezione FASHION AT WORK di Pitti Filati da sempre
riunisce espositori italiani e stranieri impegnati in consulenze
stilistiche, progettazione punti e prototipi, stampa su maglia,
macchine per maglieria, bottoni e minuterie, accessori e
passamanerie, ricami e applicazioni, tintorie e finissaggi,
quaderni di tendenza e bureaux de style, sistemi di codifica del
colore, sistemi software per il disegno o la confezione.

Pitti Bookswearmania, il tema del nuovo
layout

Pitti BookswearMania è il tema-guida di Pitti Filati
72. Bookswear perché vestiamo i libri che leggiamo. Che
siano libri di carta o no non importa: leggere andrà sempre di
moda. E perché, anche quando non sono loro stessi a dircelo
direttamente, ci facciamo sempre un’idea di come vestono i
personaggi dei nostri libri preferiti. Pitti BookswearManiaè
la passione di leggere libri che nutre il mondo della moda e che la
moda stimola a sua volta. A gennaio scenografie, installazioni e
iniziative di Pitti Filati e degli altri saloni di Pitti Immagine
vedranno protagonisti i libri in tutta la loro fisicità.

Luogo-manifesto di Pitti BookswearMania- un progetto di
Oliviero Baldini – sarà il grande piazzale centrale della Fortezza
da Basso, ma anche all’interno di altre zone della manifestazione
il libro diventerà materiale d’eccezione per soluzioni e oggetti
originali d’arredo.

Con E-PITTI.COM si moltiplicano le possibilità di
business online

e-Pitti.com presenta la seconda edizione della fiera online per
Pitti Filati 72. Pensato per tutti i buyer certificati da Pitti
Immagine, e-Pitti.com offre loro la possibilità di vivere online
l’esperienza della fiera fisica per un intero mese dalla chiusura
del salone: rivisitare gli stand, scoprire nuovi marchi e le
tendenze della prossima stagione.

VINTAGE SELECTION N.21: Missione
Futuro

Dal 23 al 27 gennaio 2013 la Stazione Leopolda di Firenze
ospiterà Vintage Selection n.21, quella che ormai non è più
solo una mostra-mercato di moda e oggettistica vintage e remake –
tra le più autorevoli in Italia e in Europa – ma un vero e proprio
festival della cultura vintage che ogni sei mesi rinnova il suo
programma di mostre, eventi e iniziative di comunicazione, dentro
il salone e in città. Tema di questa edizione, Missione
Futuro: la fantascienza e il retro-futurismo, l’immaginazione del
futuro che si pensava potesse realizzarsi a partire dagli anni
Cinquanta/Sessanta: tema affascinante su cui si sono esercitati
molti importanti stilisti e designer in tutto il mondo. E
poi Future Trend, fil rouge della mostra I.LOVE.ARCHIVE3,
attraverso fotografie raccolte all’interno dell’archivio di Pitti,
indagherà il lato più innovativo della moda d’antan. In più,
workshop tenuti da personalità di spicco delle più importanti
scuole italiane di moda e design, un evento legato al mondo del
teatro e un’esposizione di mezzi di trasporto vintage su 2 e 4
ruote. Il tutto in una cornice che offrirà occasioni di shopping,
sorpresa e intrattenimento, con concorsi – come l’elezione di Miss
e Mr. Vintage – iniziative come la Tag-Automatica, concerti ed
happy hour con dj-set.

A VINTAGE SELECTION va in scena il progetto
MVA

In occasione di Vintage Selection, nello spazio Alcatraz della
Stazione Leopolda verrà presentato in anteprima il progetto My
Vintage Academy di Barbara Ricchi (www.myvintageacademy.com).
Punto di partenza, un catalogo-archivio raccolto in quasi 30 anni
di storia all’interno del laboratorio artigiano Giorgio Linea,
specializzato nella ricerca di nuove tendenze. Obiettivo di MVA è
mettere a disposizione degli addetti ai lavori questo patrimonio di
conoscenze attraverso una piattaforma digitale on line: uno
strumento innovativo di ricerca per coniugare il passato del
vintage con la tecnologia contemporanea.

Felice Limosani interpreta il progetto MVA con “Tears in
rain”, spettacolare performance sitespecific liberamente
ispirata a Blade Runnere alle sue atmosfere. Una trasposizione
artistica di uno tra i più celebri film di fantascienza e un
racconto simbolico che riflette sull’importanza di possedere dei
ricordi per alimentare il futuro.