password persa?
mail attivazione
   non arrivata?
REGISTRATI

In questa nuova videointervista Egle Prati incontra Alessandro Roma, milanese che da poco si è trasferito a Londra. E che ci racconta della sua pittura. Ma anche dei colleghi artisti che hanno paura di avere “concorrenti”. Mentre invece il bello dell’arte è “poter fare quello che si sente”. Essere liberi, insomma. Anche troppo

… segue
 

Secondo appuntamento proposto da Manuela Valentini. Questa volta con Cecilia Guida, che ci racconta la sua formazione e il significato dei tanti passaggi compiuti al suo interno. Fino ad approdare alla pratica curatoriale
… segue
 

Skira ha mandato in libreria l’ultimo volume di interviste che il “nonstop curator” ha realizzato con Rem Koolhaas. Sempre apprezzabile lo sforzo di dialogare con il mondo della cultura. Ma Obrist ci piacerebbe di più se andasse anche un po’ più a fondo
… segue
 

<!–

Che cosa voglio da exibart

Andrea Bruciati
Informazione oggettiva e puntuale
… di Andrea Bruciati

–>

bologna
genova
marcheabruzzi
milano
napoli
roma
sardegna
sicilia
torino
toscana
trento bolzano
venezia
altrecittà
around

architettura
arteatro
curatori
design
diritto
fiere e mercato
fotografia e cinema
lavagna
libri ed editoria
musica
parola d’artista
rubrica curatori
taxart

personaggi
politica e opinioni
progetti e iniziative

READING ROOM
Domande, domande, domande
Il colore del razzismoLa modernità dei TrentaL’intervista/Giuseppe Frangi
Lunga vita ai volontari della bellezzaREADING ROOM
Oltre la Fotografia. Tra informazione ed elaborazione creativa
L’intervista/Elisa Pierandrei
Writers Attack. Nella Primavera Araba

pubblicato lunedì 10 dicembre 2012

Sicuramente non è scultura, ma farebbe impazzire Michelangelo Buonarroti, che si recava personalmente nelle cave di Carrara per scegliere i blocchi di marmo da cui ricavare nuovi messaggi poetici. Non è scultura, non solo perché i litoidi sono usciti da tempo dalla scena artistica, ma perché la dimensione dell’installazione site specific ha impresso una nuova svolta al modo di intendere l’arte contemporanea.
Eppure la nuova frontiera del design d’arredo è rappresentata proprio dagli artefatti in materiale litico realizzati grazie alla fresatura a controllo numerico. Paradossalmente, l’innovazione tecnologica corre sul filo dell’arcaicità.

Per decenni marmi, graniti e pietre hanno occupato una posizione marginale nell’architettura – tenuti in considerazione solo per le loro prestazioni fisico-meccaniche e per una loro generica preziosità – e specialmente nel design, per il cui alveo essi risultano troppo pesanti e inficiati da lavorazioni troppo grossolane. Ma lo scenario cambia con l’applicazione dell’informatica tanto nella progettazione che nell’esecuzione di artefatti in marmo. L’introduzione del controllo numerico nelle operazioni di taglio ad acqua e di fresatura tridimensionale consente di ottenere forme mai sperimentate in passato e di attribuire alla materia litica un valore impensabile: la leggerezza. Dopo secoli di scalpello, l’erosione computerizzata sostituisce l’intervento manuale, consentendo ancora di ottenere la figura “per via di togliere”. Ma permette anche di assottigliare il materiale fino a spessori minimi, così come di realizzare intarsi, trafori minuziosi, curve mirabolanti e pattern dominati dalle asimmetrie. In particolare, la progettazione digitale consente di attribuire al blocco o alla lastra di marmo quelle forme fluide e organiche che caratterizzano le architetture alla grande scala e tanto design della contemporaneità.
La materia lapidea entra in un nuovo mondo sintattico, lontano dall’antico rigore del rivestimento in pietra. Dichiara solidità e immaterialità allo stesso tempo, in un esito percettivo di rassicurazione e di piacevolezza. Grazie a quella impalpabilità, la presenza dei piani in marmo in uno spazio interno può diventare perfino estensiva, con giochi texturali che solo una massa minerale può rendere “diversi”.

Di fronte a Marmomacc, fiera di settore un tempo noiosa e sterile, il Salone del Mobile di Milano rischia di apparire perfino obsoleto, poiché ancorato a un modo tradizionale di intendere l’arredo domestico. Quella fiera veronese, a cadenza annuale, è diventata la vetrina di sperimentazioni prodigiose, dove la materia più dura e più imperitura della storia umana diviene fluida, metamorfica, dinamica. La sega diamantata cede il passo alla punta rotante, come fosse l’arma più aggressiva di Goldrake.
Già negli anni Venti del secolo scorso, all’affermazione del Movimento Moderno, Mies van der Rohe arricchiva la semantica dei propri edifici rivoluzionari (per l’epoca, s’intende) attraverso sofisticatissime applicazioni di grandi lastre di onice. Quei rivestimenti verticali, posati a venatura specchiata, sprigionavano una bellezza che, nella precedente architettura classica, era quasi sempre appannata dalle incrostazioni e dalle superfetazioni decorative aggiunte dall’opera umana. In breve, sono proprio le superfici della modernità a mettere in luce delle risorse estetiche ancestrali. E il marmo perde di gravità per diventare un fatto grafico. Anche i confini tipologici tra gli artefatti vanno in dissolvenza: micro-architetture, geometrie scultoree e piccoli arredi monolitici possono riscrivere i codici del paesaggio domestico. L’artefatto marmoreo generato dalla fresatura non raggiunge la dignità di opera d’arte, ma possiede una solennità da mandare in crisi tutti i concetti associati alla dimensione della produzione seriale, che guardava in tutt’altra direzione. Il marmo è forse la plastica del nuovo millennio?


San Lorenzo in vendita, nella prima asta tutta dedicata all’urban art romana. A Palazzo Odescalchi si chiude il 2012 di Urban ContestCosenza contemporanea: tre giorni di incontri in “Prima Visione”. Con Marina Fokidis, Akram Zaatari e Miltos Manetas
Corpo singolo o collettivo? Non importa, purché si giochi. Ecco il nuovo lavoro di Ann Hamilton per l’Armory di New YorkMiami/ Art Public. Ultimo giorno per entrare al bar temporaneo dei Los Carpinteros. Targato Absolut
Miami/ Art Salon. Presentato l’ultimo progetto architettonico ed editoriale firmato Diller-Scofidio Renfro, per il Lincoln Center di New YorkOnore a Mike: lo Stedelijk di Amsterdam ospita nei suoi spazi freschi di restyling una grande retrospettiva su Kelley. La prima dopo la morte dell’artista”Mediterranea” chiama, giovani artisti rispondete! Open call per duecentocinquanta progetti specifici, per l’edizione della Biennale ad Ancona

altre news»


BergerBerger, due fratelli uniti dallo spazio
Report – ArtVerona 2012
visto 11012 volte
26/10/2012Ettore Favini – Condividere è connettere a cura di Marcello Smarrelli
visto 12275 volte
05/10/2012WASSILY KANDINSKY E L’ARTE ASTRATTA TRA ITALIA E FRANCIA – Aosta, MAR, Museo Archeologico Regionale
visto 27308 volte
11/07/2012guarda tutti i video su Exibart.tv»

<!–

–>

titolo evento
nbsp

citta (comune)

provincia

selezionaAgrigentoAlessandriaAnconaAostaArezzoAscoli PicenoAstiAvellinoBariBellunoBeneventoBergamoBiellaBolognaBolzanoBresciaBrindisiCagliariCaltanissettaCampobassoCasertaCataniaCatanzaroChietiComoCosenzaCremonaCrotoneCuneoEnnaFerraraFirenzeFoggiaForli-CesenaFrosinoneGenovaGoriziaGrossetoImperiaIserniaL’AquilaLa SpeziaLatinaLecceLeccoLivornoLodiLuccaMacerataMantovaMassa-CarraraMateraMessinaMilanoModenaNapoliNovaraNuoroOristanoPadovaPalermoParmaPaviaPerugiaPesaro e UrbinoPescaraPiacenzaPisaPistoiaPordenonePotenzaPratoRagusaRavennaReggio di CalabriaReggio nell’EmiliaRepubblica di San MarinoRietiRiminiRomaRovigoSalernoSassariSavonaSienaSiracusaSondrioTarantoTeramoTerniTorinoTrapaniTrentoTrevisoTriesteUdineVareseVeneziaVerbano-Cusio-OssolaVercelliVeronaVibo ValentiaVicenzaViterbo
regione

selezionaAbruzzoBasilicataCalabriaCampaniaEmilia RomagnaFriuli-Venezia GiuliaLazioLiguriaLombardiaMarcheMolisePiemontePugliaRepubblica di San MarinoSardegnaSiciliaToscanaTrentino-Alto AdigeUmbriaValle d’AostaVeneto
spazio espositivo

autore artista

curatore

genere

documentariaarcheologiaarchitetturadesignfotografiaarte anticaarte moderna e contemporaneaarte contemporaneaperformance – happeningpresentazioneincontro – conferenzaserata – eventoinaugurazionegiovane artealtropersonaledoppia personalecollettivadisegno e graficaarte modernafieraarti decorative e industrialiarte etnicaasta
da quando

a quando

solo grandi mostre

ordinamento

regione, provincia, cittàelenca in ordine cronologico

cerca sulla mappa

trova opening

c.capogrecoroberto1gaialaramariagraciameryangel74artbox2010leobondfralessonaplaywithfoodveve89


<!–

<!–

  
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Editoriale: Adriana Polveroni

   Direttore responsabile Artico Gelmi di Caporiacco

   Responsabile Commerciale: Federico Pazzagli – f.pazzagli@exibart.com – adv@exibart.com

   Commerciale: Tel +39 339/7528939   – Fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com – Fax: 06/89280277