E’ l’ora di Girolio d’Italia 2012 in Umbria, e precisamente a Montecchio (TR
) dove la carovana verde si fermerà domani sabato 3 novembre , in concomitanza con la terza edizione della Maratona dell’Olio, evento contenitore di una serie di iniziative culturali, sportive, enogastronomiche, folcloristiche, didattiche e ludiche in grado di valorizzare e promuovere non soltanto il comprensorio della Teverina Umbra che comprende i comuni di Alviano, Attigliano, Amelia, Baschi, Guardea, Giove, Lugnano in Teverina, Otricoli, Penna in Teverina e lo stesso Montecchio, ma soprattutto l’olio di queste terre, vera e propria eccellenza.
 
Sabato e per tutto il fine settimana, Montecchio sarà dunque il crocevia di una lunga serie di eventi, incontri, laboratori, concorsi, mostre e stand espositivi, preceduti alle ore 10 dalla cerimonia istituzionale di passaggio di tappa che si aprirà alla presenza del Presidente dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio Enrico Lupi, dei sindaci dei quattro Montecchio d’Italia ovvero Montecchio (TR),   Montecchio Emilia (RE), Montecchio Maggiore (VI) e Montecchio Precalcino (VI) e delle delegazioni istituzionali di cui fanno parte anche i rappresentanti di tutte e 27 le Città dell’Olio umbre, con l’alzabandiera del Tricolore e del vessillo delle Città dell’Olio, l’intonazione dell’inno nazionale e la firma della pergamena da parte dell’ Assessore regionale all’Agricoltura Fernanda Cecchini.
 
Alle ore 11 si apriranno gli stand espositivi dell’olio, prodotti tipici e artigianato nel centro storico di Montecchio, mentre due mostre di pittura – Extempore pressola Sala Polivalente del Comune di Montecchio e la personale dell’artista Pascu Ioan presso la sala della Università agraria – si apriranno in contemporanea, così come lo spettacolo per ragazzi “Storia tutto d’un fiato” curato dalla Compagnia Albero Blu in scena alla Palestra Comunale.

Nel pomeriggio, a partire dalle 15, “AnnUsi di Olio – laboratori creativi e giochi” per bambini mentre alle 16 nella Sala Consiliare del Comune di Montecchio si terrà il convegno “L’olio come volano di crescita del nostro territorio”, organizzato in collaborazione con Slow Food e CNR a cui farà seguito una degustazione di olio e prodotti tipici. La giornata si concluderà con un concerto alle ore 21 presso l’Ex Frantoio Bartolomei.
 
Ma gli eventi che faranno da cornice al passaggio del Girolio d’Italia in Umbria, continuano anche domenica 4 novembre, con  la “Camminata intergenerazionale”, un percorso   a cui parteciperanno uomini, donne e bambini di diverse generazioni con degustazioni tematiche lungo il percorso partendo da Piazza Garibaldi, l’apertura degli stand espositivi e delle mostre di pittura, il grande spettacolo folkloristico a cura di tutte le Associazioni dei Comuni della Maratona dell’Olio e la c erimonia ufficiale di consegna del simbolo della “Maratona dell’Olio” agli illustri ospiti che a loro volta lo doneranno ad ulteriori personalità del mondo del giornalismo, della politica, della vita sociale e culturale, dello sport e dello spettacolo in una prospettiva nazionale ed internazionale.
Così come un alberello di ulivo della cultivar tipica marchigiana sarà donata dalla delegazione di Falerone – che ha ospitato la tappa precedente – a una scuola locale perché trovi diffusione già nelle giovani generazioni una cultura dell’olio non solo del territorio ma anche di altre regioni italiane.

Una curiosità: durante la manifestazione gli studenti e i docenti dell’Istituto Tecnico Economico per l’Amministrazione, il Turismo e Tecnologico per la Chimica di Amelia effettueranno gratuitamente, presso la propria postazione appositamente attrezzata a Montecchio, l’analisi gratuita del grado di acidità dell’olio a tutti coloro che consegneranno un campione della propria produzione.

Dopo Montecchio, Girolio d’Italia 2012 continuerà attraverso altre regioni olivetate italiane, a partire da Marone in Lombardia, Muggia in Friuli Venezia Giulia, Sestri Levante in Liguria, Brisighella e Imola in Emilia Romagna, Oliena in Sardegna, Cerreto Sannita in Campania, Arquà Petrarca in Veneto,  Seggiano in Toscana, Ficarra e Sant’Angelo di Brolo in Sicilia, Matera in Basilicata, Vallefiorita in Calabria, Larino in Molise e Pescara in Abruzzo, prima di arrivare alla tappa finale di Tenno in Trentino.